“AID si fa in 4”: AL VIA LA SECONDA FASE DEL PROGETTO DI SOLIDARIETA' PER 4 PROVINCIE DELLE MARCHE

Presentata oggi nella sede della Provincia di Fermo l’iniziativa a cura dell’Associazione Italiana Dislessia che prevede un articolato programma di corsi, laboratori ed eventi di informazione e supporto presso gli Istituti Scolastici delle province di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo e Macerata

Fermo, 18 ottobre 2018 – È stata presentata stamattina, presso la sede della Provincia di Fermo, la seconda fase del progetto di solidarietà di Associazione Italiana Dislessia, "AID si fa in 4 – Azioni per la ricostruzione delle reti territoriali di supporto all’apprendimento", rivolta a Istituti Scolastici e famiglie dei comuni delle Province di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo e Macerata, interessate dagli eventi sismici nel 2016 e 2017.

L’articolato progetto consiste in diverse attività di formazione, supporto e informazione erogate da formatori, tutor e volontari delle sezioni territoriali dell’Associazione Italiana Dislessia presso alcuni Istituti Scolastici individuati nelle diverse Province interessate. In particolare, saranno offerti servizi di formazione in presenza e/o partecipata rivolti ai docenti e – in alcuni casi - aperti anche ai genitori, per favorire il ricostituirsi della relazione e della collaborazione tra scuole e famiglie; un servizio di tutoraggio in aula per sperimentare strumenti e strategie per la didattica inclusiva; attività di laboratori per l’utilizzo dei software compensativi; e, infine, servizi di consulenza e d’informazione, parent training, proiezione di video e film ed incontri di testimonianza.

L’iniziativa "AID si fa in 4" ha preso il via a fine 2017 con una prima fase che ha visto coinvolti quattro istituti scolastici dei Comuni di Amatrice, Arquata del Tronto, Civitella del Tronto e Norcia, a cui hanno fanno capo 80 Istituti Comprensivi e Omnicomprensivi, Plessi e Istituti di Istruzione Superiore di 62 Comuni limitrofi, colpiti dal sisma dell’agosto 2016.

Oggi il progetto si arricchisce e riparte con il coinvolgimento delle scuole e delle famiglie di 78 Comuni delle Province di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo e Macerata, coinvolti nel terremoto dell’ottobre 2016 e gennaio 2017: saranno, infatti, inclusi nel progetto 319 Istituti Comprensivi, Plessi e Istituti di Istruzione Superiore. Questa seconda fase ha visto AID stanziare un nuovo contributo di 10.000 euro e ha il patrocinio del Comune di Camerino e dell’Università degli Studi di Camerino.

Il nuovo progetto è articolato in più fasi, che si svilupperanno durante tutto l’anno scolastico 2018/2019, per ogni Comune di riferimento, si inizia il 19 ottobre a Camerino, presso l’IC Ugo Betti, Via Pieragostino 2 e dal 26 ottobre a Tolentino, presso la Sala Polifunzionale della Scuola Primaria Don Bosco, Largo 815 Zona Oasi, nelle due scuole si terranno due nuovi percorsi formativi gratuiti di 25 ore organizzati in 7 moduli, rivolti ai docenti per promuovere la corretta informazione sulla legge 170/2010, la lettura della diagnosi e la redazione del PDP, le metodologie di didattica inclusiva, la meta-fonologia, gli strumenti compensativi e le misure dispensative. A seguire, numerosi altri interventi sono previsti nell’alto Fermano, per le zone del cratere, e nelle province di Ascoli Piceno ed Ancona.

Moira Canigola, Presidente della Provincia di Fermo, ha commentato: “Ringrazio l’Associazione Italiana Dislessia per aver voluto presentare nella sede dell’Osservatorio Permanente sui DSA il progetto “AID si fa in 4” che prevede un articolato programma di corsi, laboratori ed eventi di informazione e supporto che si terranno presso gli Istituti Scolastici delle Province di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo e Macerata. Diverse sono le iniziative, che come Osservatorio, stiamo realizzando con l’AID sez. di Fermo: penso agli incontri informativi che terremo in tutti i Comuni del territorio provinciale iniziati la settimana scorsa ad Altidona in occasione della settimana sulla dislessia.

Giulietta Modesti, Coordinatrice Progetto "AID si fa in 4", ha commentato: “L'iniziativa di Associazione Italiana Dislessia è incentrata sulla volontà di fare rete con le istituzioni locali, le scuole e le famiglie, per contribuire a dare un nuovo slancio al territorio, già duramente colpito” – e prosegue – “la volontà di AID è quella di essere di supporto a questi territori, attraverso una didattica inclusiva e partecipativa, che sostenga la motivazione e risponda ai bisogni delle scuole”.

 

Per maggiori informazioni sui corsi riservati ai docenti con sede a Tolentino e Camerino: https://macerata.aiditalia.org/it/news-ed-eventi/cloned-aid-si-fa-in-4-si-riparte

 

AID: Associazione Italiana Dislessia ( http://www.aiditalia.org/it/ )

AID - Associazione Italiana Dislessia - nasce con la volontà di fare crescere la consapevolezza e la sensibilità verso il disturbo della dislessia evolutiva, che in Italia annovera circa 2.000.000 persone. L’Associazione conta oltre 18.000 soci e 98 sezioni attive distribuite su tutto il territorio nazionale. AID lavora per approfondire la conoscenza dei DSA e promuovere la ricerca, accrescere gli strumenti e migliorare le metodologie nella scuola, affrontare e risolvere le problematiche sociali legate ai DSA. L’Associazione, senza fini di lucro, è aperta ai genitori e familiari di bambini dislessici, ai dislessici adulti, agli insegnanti e ai tecnici (logopedisti, psicologi, medici).

 

Per maggiori informazioni:

Ufficio Stampa AID – LIFE

Anna Morabito - amorabito@lifecommunication.agency – cell. 393-8211169

 

Comunicazione – AID, Associazione Italiana Dislessia

Gabriele Brinchilin - comunicazione@aiditalia.org - cell. 334-3453367

Pubblicato il 24/10/2018 09:19